I “Ravioli di zucca cilentani” di Francesca Pellegrino

Oggi mi sono dedicata al famoso “Tortello di zucca” tipico della tradizione di Mantova e provincia ed adattato al territorio cilentano. Il tortello di zucca nel Cilento diventa il “Raviolo cilentano” ed è un piatto, che ne siamo certi, una volta assaggiato, vorrete ripetere l’esperienza durante tutta la stagione fredda, organizzando ricchi pranzi, assaporando un primo piatto indimenticabile, delicato e gustoso, che vi farà sentire come alla corte di un re.

Per preparare i ravioli di zucca iniziamo dal ripieno che dovrà riposare un pò in frigorifero in modo che tutti i sapori si amalgamino. Quindi prendiamo la zucca e dividiamola in parti per eliminare più facilmente i semi e i filamenti interni, tagliamola a fette e poi a cubetti.

Zucca tagliata a cubetti

Trasferiamo i cubetti di zucca in una teglia preferibilmente foderata con un foglio di carta forno. Io scelgo di cucinarla al forno ,in alternativa in un pentolino con olio e cipolla, facendola cuocere lentamente e poi frullarla.

Scaldiamo il forno a 180/200°C , quando sarà caldo, infornate i cubetti di zucca e lasciateli cuocere per circa 20/25 minuti o fino a che non risulteranno morbidi e leggermente dorati.

Mentre la zucca cuoce dedichiamoci alla pasta all’uovo: riunite  la farina, le uova ed un pizzico di sale.

Iniziate ad amalgamare gli ingredienti con una forchetta e quando l’impasto inizia a formarsi, trasferitelo sul piano di lavoro per impastare a mano (oppure con il robot da cucina).

Una volta pronto l’impasto, avvolgetelo in un foglio di pellicola trasparente e mettetelo da parte a riposare per circa una mezz’ora nel frigorifero.

Passiamo adesso al ripieno dei ravioli; in una ciotola uniamo gli ingredienti, e cioè ricotta, parmigiano, noce moscata e un pizzico di sale e mescoliamo molto bene fra di loro i vari ingredienti.

Ora la zucca sarà sicuramente pronta, sforniamola e trasferiamola in un piatto o una ciotolina dove dove iniziamo a schiacciarla con una forchetta.

Quando avremo ottenuto una sorta di purea rustica, uniamola al resto degli ingredienti della farcia amalgamati precedentemente e mescoliamo molto bene fino ad ottenere una farcia omogenea.

Passate l’impasto schiacciato nella sfogliatrice rendendola molto fine, fino al buco 5/6.

Una volta preparate le sfoglie, iniziamo a predisporre una striscia di pasta mettendoci sopra il ripieno.

Disponete mezzo cucchiaino di farcia nel centro della pasta sfoglia in modo alternato, ricoprite e schiacciate bene i bordi in modo tale che si incollino bene. Per essere ancora più sicuri che i bordi siano ben sigillati, schiacciateli con i rebbi di una forchetta o con la rotellina da pasta.

Conservate i ravioli su di un vassoio ben infarinato con la semola e distanziati per evitare che s’appiccichino.

Prepariamo adesso il sugo al burro e salvia. Laviamo sempre con cura le foglioline di salvia prima di unirle al burro nel tegame, scegliendone le dosi in base a quanto intenso volete che sia il sapore della salsa.

Fate sciogliere il burro a fiamma bassa: dovete fare attenzione a non bruciarlo per non rovinare il gusto del sughetto. Per rendere quest’ultimo più corposo e le porzioni più sfiziose, a piacere, potete aggiungere 100 ml di latte o qualche cucchiaio di panna da cucina, per poi far addensare il tutto come una crema a fuoco medio per pochi minuti.

In una pentola con acqua portata a bollore, aggiungiamo i ravioli, aggiustiamo di sale ed appena i ravioli vengono a galla, scolarli ed amalgamarli con il sughetto burro e salvia. Spolverarli con parmigiano “24 mesi” e servire ben caldi.

Buon appetito con gusto..!

potete seguire le ricette su Instagram all’indirizzo

lericettedi_francycongusto

Dosi per 4 persone:

  • Per la pasta
  • 300 gr. di farina 00
  • 200 gr. di semola
  • 5 uova
  • Per il ripieno

Related Post